25 aprile, Miccoli: “Salvini, tra fascismo e libertà, non si sta in mezzo”





“È grave che il ministro Salvini abbia annunciato con orgoglio la sua non partecipazione alle celebrazioni della Festa della Liberazione. E ancor più grave l’equidistanza dichiarata tra antifascismo e fascismo. Andrebbe ricordato che, in qualità di ministro, sarebbe obbligatorio per lui omaggiare quella giornata, che rappresenta l’unità degli italiani di fronte all’orrore della dittatura, alla guerra e all’olocausto. Da ministro, Salvini ha giurato sulla Costituzione che nasce da quella vittoria che scaturì da quella straordinaria lotta.

Per leggere il resto dell’articolo devi collegarti direttamente sul sito della fonte:









Continua

Pubblicato il: 11 Aprile 2019

Potrebbero interessarti anche »

Lascia un commento »